Cosa potrebbero avere in comune due titoli come Minecraft, sviluppato da Mojang, e The Legend of Zelda: Breath of the Wild, sviluppato da Nintendo? Un giocatore affezionato ha unito i due mondi ricreando alcuni dei punti di riferimento più importanti presenti all’interno del titolo di Nintendo.

Analisi dei due titoli

Minecraft, uscito nel 2009, e Zelda, uscito nel 2017, due titoli molto differenti in tutto e per tutto però con alla base elementi e fondamenti simili. Il primo titolo, sviluppato dallo svedese Notch, vanta una community di grandi dimensioni. La struttura del sandbox, tra le prime e oggi tra le migliori offerte nel mondo videoludico, è la migliore realizzazione oggi disponibile per tutte le piattaforme disponibili. Un pozzo praticamente inesauribile di contenuti e sfogo per la propria creatività. L’unico suo limite è il dal tempo a propria disposizione.

Il secondo, invece, nonostante conti un approccio più moderno nei termini dell’open world, integra come fondamentale l’interazione con il mondo di gioco ispirandosi al sandbox per eccellenza ed includendo nella formula elementi di modernità che ne hanno fatto la fortuna nonché la base per lo standard di realizzazione per i futuri titoli del genere.

Entrambi i titoli sono sopravvissuti alla prova del tempo per la diversità e la qualità di mondi di gioco che offrono ai giocatori. Tutt’ora non è strano vedere giocatori impegnati nella creazioni di nuovi mondi su Minecraft o nell’esplorazione degli anfratti di Hyrule nonostante gli anni dalla loro uscita.

I monti gemelli del fan

Data la natura dei due titoli, l’utente di Reddit PixelGamersGaming è riuscito a ricreare i Dueling Peaks di Zelda Breath of the Wild con un incredibile livello di dettaglio, includendo addirittura il santuario in cima e la torre nelle sue prossimità. L’utente, nel post, dice anche di aver realizzato anche altri punti nodali del gioco senza mostrare su Reddit immagini di tale lavoro.

Fonte Reddit